Recupero Dati

Recupero Dati: Tenorshare Any Data Recovery Pro

Il patrimonio digitale più importante in vostro possesso è rappresentato dai dati personali, quelli che, se persi, nessuno può restituirvi.

A quanti di voi sarà capitato di eliminare per errore dei file importanti, magari le foto di famiglia in formato digitale, l’ultima bozza della tesi o altro, senza passare per il cestino del sistema operativo o svuotandolo senza pensarci troppo?

A quanti, ancora, sarà capitato di vedere il proprio supporto magnetico (hard disk, pendrive USB, flash memory SD, etc…) diventare illeggibile da un giorno all’altro a causa di un malfunzionamento hardware?

Lo scenario peggiore in questi casi è rappresentato dall’assenza di un preventivo backup dei dati, che vi consentirebbe di limitare i danni alla sola rottura del supporto di memorizzazione.

In questi casi, quello che si può tentare in maniera autonoma è lanciare un software di recupero dati e sperare che riesca a restituirvi, se non tutto, almeno gran parte dei file perduti.

L’alternativa a questi software è rappresentato da un recupero in laboratorio, che viene effettuato da società specializzate, purtroppo non sempre con costi contenuti.

Dunque, quale prodotto software utilizzare? Ce ne sono tanti in commercio, forse il più conosciuto è Seagate Data Recovery, probabilmente anche a causa dell’alta percentuale di difettosità che i prodotti di quello che è attualmente il più grande produttore di hard disk sembrano manifestare nel tempo, o anche EaseUS Data Recovery, OnTrack Easy Recovery e Stellar Phoenix Data Recovery per Windows e Mac.

Tuttavia, non sempre il prodotto più blasonato risulta essere quello migliore.

Di recente ci è stato proposto dalla Tenorshare di valutare il loro nuovo prodotto, Any Data Recovery Pro, che si presenta così rispettivamente su Windows e Mac.

any_data_recovery_pro_01

any_data_recovery_pro_01_mac

Lo abbiamo trovato decisamente valido, peraltro con un costo di licenza inferiore alla media, e ne riportiamo la scheda tecnica rilasciata da produttore, da noi tradotta in italiano.

Ho eliminato per errore le preziose immagini dei miei familiari dal mio laptop Dell con Windows 10. Ancora peggio, ho svuotato il cestino, la qual cosa mi ha fatto impazzire. In seguito un amico mi ha detto che potevo provare con Seagate Data Recovery ma non ho ottenuto risultati. Esiste un software di recupero dati alternativo che mi consenta di riavere le mie foto?

Seagate è al momento il più grande produttore di hard disk, e offre un software per recuperare I dati perduti. Tuttavia, molti utenti si lamentano del fatto che Seagate Data Recovery sia suscettibile di crash fisici, difetti di fabbricazione ed errori utente. Pertanto, vogliamo presentarvi un potente strumento alternative.

Tenorshare Any Data Recovery Pro, uno strumento di recupero dati professionale meno prestigioso ma equivalente a Seagate Data Recovery, può risolvere tutti i problemi di perdita dei dati – recuperare dati cancellati anche se il Cestino è stato svuotato, persi a causa di errori software, da hard disk formattati o danneggiati, infettati da virus, con partizioni eliminate e altri motivi sconosciuti, sotto Windows 10/8/7/XP/Vista. È possibile scaricare la versione di prova gratuita dal link che segue!

Download

Come Recuperare Dati Persi su Windows Utilizzando Un’Alternativa a Seagate Data Recovery:

Prima di iniziare, scaricare e installare il programma sul proprio computer. Segue un tutorial su come utilizzare Any Data Recovery Pro passo per passo.

Passo 1. Lanciare il programma sul proprio computer. Tutti i file verranno elencati per categoria. Vi verrà chiesto di selezionare i tipi di file che volete recuperare e di cliccare su “Next” per procedere.

seleziona i tipi di file

Passo 2. Qui dovete scegliere una cartella e premere “Scan” per visualizzare i file perduti. La cartella può essere decisa da voi, ad esempio Desktop, Documenti o qualsiasi dei vostri hard disk.

seleziona una cartella

Passo 3. Potete visualizzare in anteprima i file recuperabili come video, documenti, foto e altro per percorso, tipo di file o data di creazione.

anteprima dei file

Nota: se non riuscite a trovare i file che volete recuperare, provare a cliccare “Deep Scan” (Scansione Approfondita), che può esaminare più file ma richiede più tempo.

Passo 4. Infine, spuntate i file e cliccate su “Recover”. Cliccate quindi “Browse” per scegliere una destinazione in cui salvare i file recuperati. Non scegliete come destinazione lo stesso disco che contiene i file perduti, per evitare che tali dati vengano sovrascritti.

Come Potete Evitare Ulteriori Perdite di Dati?

Per evitare ulteriori danni ai vostri file e per prevenire perdite di dati estese:

  • Non effettuate alcuna operazione sul dispositivo che può causare danni fisici allo stesso o ai dati ivi contenuti
  • Non riscrivete nessun file e non aggiungete nessun nuovo file sul dispositivo
  • Non formattate l’hard disk
  • Non modificate le partizioni del disco
  • Non provate ad aprire il dispositivo per vedere cosa c’è che non va. Gli hard disk sono particolarmente sensibili alla contaminazione e dovrebbero essere aperti solo in un ambiente completamente asettico.
Articolo precedente

IDE per sviluppatori: Codelobster PHP Edition

Articolo successivo

Linux: accesso SSH senza password con chiavi private

Fulvio Sicurezza

Fulvio Sicurezza

Nessun Commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *